Debito pubblico detenuto all’estero: il termometro della fiducia

31 ottobre 2018

La quota di titoli pubblici detenuti da non residenti è un indicatore della fiducia dell’estero verso l’economia di un paese, come mostra la sua correlazione con i rating sovrani emessi dalle quattro agenzie accreditate presso l’Eurosistema: S&P, Moody’s, Fitch, DBRS.

 
 
 
 

Ci concentriamo qui sui paesi dell’Eurozona con un più elevato debito pubblico in rapporto al Pil, oltre all'Italia, Spagna, Portogallo e Belgio. È esclusa la Grecia, il cui debito dal 2012 è per circa l’80% in mani istituzionali.

In Italia, la quota del debito detenuta dai non residenti stenta a recuperare i livelli precedenti la crisi dei debiti sovrani: in agosto ha toccato un nuovo punto di minimo al 33,2%. Allo stesso tempo, dopo un periodo di sostanziale stabilità, sta aumentando la preoccupazione delle agenzie di rating rispetto alla sostenibilità del debito pubblico italiano, soggetto recentemente a revisioni negative dell’outlook (Fitch e S&P) e declassamenti (Moody’s).

La Spagna condivide con l’Italia il significativo calo della quota estera durante la crisi dei debiti sovrani. Tuttavia, dopo aver toccato un minimo del 32% a giugno 2012, la quota ha ripreso a salire dalla seconda metà del 2013, attestandosi stabilmente sopra il 40%. Tale recupero è stato accompagnato da un progressivo miglioramento dei rating sovrani emessi dalle quattro agenzie.

In Portogallo, l’esodo degli operatori esteri si è arrestato a inizio 2012 grazie al programma di assistenza EFSF/IMF. Nonostante le elezioni del 2015 abbiano causato un nuovo deflusso, negli anni più recenti la crescita robusta e la riduzione del debito/Pil hanno favorito la stabilizzazione della quota estera di titoli pubblici su valori di poco  inferiori al 50% e una serie di revisioni al rialzo del rating sovrano.

Il Belgio ha invece mantenuto un rating mai inferiore a  AA- e una quota di titoli detenuta all’estero mai sotto il 50%, neppure durante la crisi dei debiti sovrani. Oggi la quota è su livelli prossimi al 60%, ben al di sopra di Italia e Spagna.