NEWS

Il mercato della Protection in Italia con focus sul mercato Private

Evento de La Mondiale - 19 settembre 2018

Sonia Grieco, Senior Manager Prometeia

L’Italia, come è noto, si caratterizza per importanti livelli di sottoassicurazione. Se confrontiamo il mercato assicurativo italiano con quello dei principali paesi europei ci accorgiamo che il ruolo della Protection di matrice privata da noi è decisamente poco sviluppato. Le cause sono diverse: tra queste una ridotta consapevolezza dei bisogni e delle conseguenze economiche dei rischi, accompagnata da una fiducia nel sistema di welfare pubblico che non tiene conto dei suoi limiti.

Un’opportuna attività di informazione in merito agli effetti che eventi avversi potrebbero produrre è un fattore chiave per favorire il cambio di mentalità. Gli operatori sono i primi a dover avere un approccio proattivo. Le premesse perché questo succeda ci sono tutte: le previsioni di crescita di Prometeia sul comparto Protection per il prossimo triennio sono vivaci (+4%), in particolare per il contributo del canale bancario, per cui si attende un ritmo di crescita dell’8.1% in media.

Le famiglie Private italiane, che ricomprendono nuclei con patrimoni finanziari tra 500 mila e 5 milioni di euro, sono circa 600 mila e detengono il 23% della ricchezza finanziaria e il 25% di quella reale. Per questi nuclei si evidenzia un importante potenziale di domanda di coperture di Protection evolute, che non trova adeguata risposta nell’offerta standardizzata sul mercato. 

Guardando alle scelte assicurative delle famiglie Private emerge una focalizzazione su coperture a tutela dei beni e del patrimonio. Altro elemento comune è la diffusione delle coperture salute. Ancora poco comune la protezione dei grandi rischi legati all’integrità fisica della persona ovvero la tutela del cosiddetto Capitale Umano, basato sulla capacità di un soggetto di generare reddito lungo il ciclo di vita in funzione della sua posizione lavorativa e del suo livello di istruzione.

Nei fatti le famiglie Private continuano più o meno consapevolmente a effettuare scelte auto-assicurative, mantenendo risparmio in liquidità per eventuali spese impreviste.

Lo snodo cruciale è quello di mettere al centro delle scelte finanziarie anche la valutazione del Capitale Umano, offrendo coperture a protezione della persona, commisurate alle effettive esigenze di tutela del soggetto e del suo nucleo, che consentano al contempo di rendere più efficiente l’allocazione dei patrimoni finanziari.

Il mercato della Protection in Italia con focus sul mercato Private