Reti di consulenti, lockdown e volatilità non penalizzano la raccolta netta

8 maggio 2020

Vincenza di Lorenzo, Daniela Viggiano

I dati di marzo confermano la solidità del modello di business e la capacità di rispondere tempestivamente ai cambiamenti del contesto operativo

 

Il 2020 era iniziato in modo molto positivo per le reti di consulenti, che avevano raccolto nei primi due mesi dell’anno più di quanto mai fatto nel primo bimestre degli anni precedenti. 

A marzo la raccolta netta ha fatto un ulteriore balzo: +4 miliardi di euro. Investimenti importanti, che tipicamente si vedono di solito nell’ultimo mese dell’anno (Fig. 1).

 
Fig. 1 Raccolta netta mensile delle reti di consulenti finanziari* e indice azionario globale (miliardi di euro e variazioni %) 
(*) dati al netto di Intesa SanPaolo Private Banking Fonte: Elaborazioni Prometeia su dati Assoreti, Refinitiv
 

Come da attese, la volatilità dei mercati finanziari internazionali scatenata da Covid-19 ha penalizzato la raccolta netta in fondi comuni e GP, con deflussi netti che non si vedevano dal 2008. 

A differenza che in passato, però, questa contrazione è stata ampiamente compensata da nuovi investimenti in altri prodotti. In particolare titoli in custodia e amministrazione, soprattutto azioni, approfittando dei prezzi bassi sul mercato. Ma rilevanti sono stati anche i flussi netti confluiti in strumenti per la gestione della liquidità, in virtù dell’attivazione di offerte promozionali e dell’aumento della base clienti, in un contesto in cui è spiccata la preferenza per strumenti più liquidi (Fig. 2).

 
Fig. 2 Raccolta netta mensile delle reti di consulenti finanziari* per prodotto (miliardi di euro)
(*) dati al netto di Intesa SanPaolo Private Banking Fonte: elaborazioni Prometeia su dati Assoreti
 

I dati di marzo confermano pertanto la solidità del modello di business delle reti, che anche in fasi poco favorevoli sui mercati riescono a mantenere una raccolta netta positiva nel lungo periodo. Risultato ancora più rilevante considerando le difficoltà di marzo per gli operatori, alle prese non solo con mercati finanziari avversi, ma anche con i timori legati alla pandemia e le difficoltà organizzative che ne sono derivate.

Leggi tutti gli insight