Produzione industriale, continua la ripresa

Produzione industriale, continua la ripresa

10 aprile 2019

Manuel Bonucchi

A febbraio +0.8% su gennaio: secondo mese consecutivo di vivace espansione dell’attività manifatturiera dopo un intero anno di contrazione

Dopo gennaio, anche a febbraio prosegue la crescita della produzione industriale in Italia. A febbraio (+0.8% su gennaio) si registra il secondo mese consecutivo di vivace espansione dell’attività manifatturiera dopo un intero anno di contrazione. Confermiamo le nostre previsioni di un primo trimestre in crescita dopo ben quattro trimestri in calo. Come abbiamo già segnalato, il momento peggiore sembra sia stato superato e la recessione lasciata alle spalle.

Il rialzo di febbraio, inatteso, non è tuttavia diffuso a tutti i principali raggruppamenti di industrie: intensa la crescita della produzione di beni di consumo non durevoli (+3.9%) e di beni strumentali (+1.1%), pressoché nulla quella dei beni di consumo durevoli e intermedi, negativa quella dell'energia. Considerando l’andamento dei settori industriali rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, l’indice di diffusione Prometeia mette in evidenza come in Italia a febbraio siano circa il 50% i settori in crescita, in aumento rispetto al valore di gennaio (circa il 40%). 


Industria, a gennaio inverte la rotta e torna a crescere
 

In base alle nostre previsioni, il primo trimestre si chiuderebbe con una forte crescita dell’attività industriale (+1.5%) sul trimestre precedente, anche se risulterebbe ancora nulla sul trimestre corrispondente. Il secondo trimestre (+0.1%) potrebbe essere invece caratterizzato da un rallentamento rispetto al primo trimestre ma da un'accelerazione rispetto l’anno precedente (da 0 a +0.4%). Sulla base delle nostre previsioni per il primo semestre, la crescita acquisita per il 2019 della produzione industriale sarebbe positiva (+0.7%) e in accelerazione rispetto al 2018.

 
 
dic-18
gen-19
feb-19
mar-19
apr-19
mag-19
var. % sul mese precedente
-0.7
1.9
0.8
0.3
-0.5
0.2
Fonte: previsioni Prometeia (in grassetto) su dati Istat

Leggi tutti gli insight