Produzione industriale, forte contrazione ad aprile

Produzione industriale, forte contrazione ad aprile

11 giugno 2018

Manuel Bonucchi

Vanificato il rimbalzo di marzo. Incerti i segnali per il prosieguo del secondo trimestre

Calo inatteso per la produzione industriale ad aprile. L’indice destagionalizzato ha segnato -1.2% su base mensile (+0.3% la nostra previsione). Tale riduzione è della stessa entità  della crescita avvenuta in marzo, che rimane l'unico mese del 2018 ad aver evidenziato un aumento dell'attività industriale.

La contrazione è comune a tutti i grandi paesi europei. Fra i principali settori, la produzione di beni strumentali è la sola ad avere realizzato una dinamica congiunturale positiva, mentre  il settore energetico ha registrato una forte contrazione (-4.1%); al netto di questa componente l'indice generale sarebbe comunque caduto dello 0.6%.  L'indice di diffusione Prometeia, che riflette la dinamica dei settori rispetto ai dodici mesi precedenti, prosegue nel proprio percorso di diminuzione passando dal 73% al 67%, allontanandosi quindi dal massimo assoluto registrato la scorsa estate.

Produzione industriale, rimbalzo a marzo dopo un inizio di anno in contrazione
 

Prevediamo che a maggio l'attività industriale possa conseguire una crescita (0.5%) non in grado però di recuperare il calo realizzato in aprile; nei due mesi successivi è invece prevista una riduzione dell'attività, riflesso del peggioramento abbastanza generalizzato dei climi di fiducia. Date le nostre previsioni, il secondo trimestre dell'anno proseguirebbe con lo stesso trend di contrazione del primo (-0.3%) ma registrerebbe una crescita ancora positiva rispetto al corrispondente (1.8%). A luglio l’indice risulterebbe inferiore del 19.2% rispetto al picco pre-crisi dell'aprile 2008, e superiore dell'9.5% rispetto al livello registrato nel marzo 2009. Tali previsioni implicano una crescita acquisita negativa (-0.3%) anche per il terzo trimestre 2018. 

 
 
feb-18
mar-18
apr-18
mag-18
giu-18
lug-18
var. % sul mese precedente
-0,6
1,2
-1,2
0,5
-0,2
0,3
Fonte: previsioni Prometeia (in grassetto) su dati Istat

Leggi tutti gli insight