Accelera la crescita della produzione industriale ad agosto

Accelera la crescita della produzione industriale ad agosto

10 ottobre 2017

manuel.bonucchi@prometeia.com

Pur scontando un aggiustamento in settembre, le prospettive per i prossimi mesi permangono positive

In agosto l’indice destagionalizzato della produzione industriale ha registrato un inaspettato aumento, su base mensile, dell'1.2% (-0.3% la nostra previsione), che segue quello del mese di luglio (0.1%).

La crescita è generalizzata a tutti i principali settori ad eccezione di quello dei beni di consumo (-0.5%); il settore energetico ha fatto da traino (+4.6%) ma anche al netto di questa componente l'indice generale sarebbe comunque cresciuto molto (0.9% rispetto al mese precedente). Quindi, nonostante la variabilità stagionale caratteristica del dato di agosto e la dinamica piuttosto erratica del settore energetico, la crescita pare ormai consolidata: a partire dal gennaio di quest'anno la produzione industriale ha registrato un aumento vicino al 5%, accelerando il percorso di rientro verso i livelli pre-crisi. In questo contesto, la grande maggioranza dei settori è  in crescita se considerati rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: l'indice di diffusione Prometeia procede quindi su valori di massimo, anche se lievemente in calo (80 rispetto all'87% dei tre mesi precedenti).

Prevediamo che l'attività industriale scenda a settembre (-0.6%) ma riprenda la sua crescita in ottobre (0.3%) e novembre (0.2%). Date le nostre previsioni, il terzo trimestre del 2017 si chiuderebbe con una variazione positiva sia rispetto al trimestre precedente (1.8%) sia al corrispondente (4.6%). In ottobre l’indice risulterebbe inferiore del 19.1% rispetto al picco pre-crisi dell'aprile 2008 e superiore del 9.3% rispetto al livello registrato nel marzo 2009. Tali previsioni implicano una forte crescita acquisita, pari allo 0.5%, per il quarto trimestre 2017.

 
 
 
giu-17
lug-17
ago-17
set-17
ott-17
nov-17
var. % sul mese precedente
1,3
0,1
1,2
-0,6
0,3
0,2
Fonte: previsioni Prometeia (in grassetto) su dati Istat