NEWS

18 maggio 2017 - Sala Buzzati, via Balzan 3 Milano

Prometeia Banking Day

 
 
 

Il 2017 potrebbe essere l’anno della svolta per il settore bancario italiano, dopo un'altra chiusura negativa dei conti lo scorso anno.

A determinare le perdite sono intervenuti una serie di fattori straordinari, tra cui, il più rilevante, l’aumento delle rettifiche, propedeutico alle cessioni dei crediti deteriorati che saranno completate quest’anno da parte di alcuni operatori. Il processo di riduzione dello stock di deteriorati è quindi stato avviato e sarà il leitmotiv di quest’anno e dei prossimi. Molte banche hanno già annunciato al mercato i loro piani di recupero/cessioni di sofferenze per raggiungere gli obiettivi di NPL ratio sui quali si sono dovute impegnare con la BCE.

A questa azione tesa a diminuire il rischio degli attivi si accompagnerà, nelle nostre valutazioni, anche una strategia di riduzione dei costi e di investimento in tecnologia per agire sulle leve necessarie a migliorare la redditività. Una redditività che in parte sarà sostenuta anche dall’aumento dei volumi di intermediazione che, pur modesto, prevediamo per i prossimi anni.

Nella giornata di presentazione delle analisi sul settore bancario italiano, Prometeia ha affrontato una serie di temi. In particolare:

  1. In quale scenario macroeconomico e in che condizioni di mercato si troveranno a operare le banche nei prossimi anni?
  2. Quali sono i rischi per il settore da movimenti nei tassi di breve o lungo termine?
  3. Quale sarà la strategia delle banche per la riduzione delle partite deteriorate? Che effetti si avranno sul capitale e sull’offerta di credito?
  4. Quali saranno le azioni necessarie in tema di costi ed investimenti per tornare a livelli adeguati di redditività?