Commodity, Indice Prometeia in leggero calo a giugno

13 luglio 2017

stefano.sparacca@prometeia.com

La caduta dei prezzi del petrolio si ripercuote su tutti i listini della chimica

Imprese manifatturiere. L’Indice Prometeia in euro delle commodity industriali ha mostrato un calo dell’1% a giugno. A fronte di una sostanziale stabilità dell’indice in dollari, l’apprezzamento della valuta europea rispetto al dollaro (+1.6% a quota 1.12) ha contribuito ad alleggerire i listini per le imprese italiane. Nonostante le due flessioni consecutive di maggio-giugno, grazie al recupero realizzato tra ottobre 2016 e aprile 2017 l’Indice Prometeia in euro si attesta ancora su un livello dell’8% superiore rispetto a giugno 2016 (fig. 1). 

Le quotazioni del petrolio hanno evidenziato un ulteriore indebolimento, scendendo a quota 47.9 dollari al barile nella media del mese (-7.2% rispetto a maggio): l’impatto sui costi di approvvigionamento del manifatturiero, per ora, si è avvertito in maniera molto attenuata, coinvolgendo più che altro i prezzi delle materie prime chimiche (-2% la variazione dei costi in euro del comparto). In calo anche l’indice della meccanica (-2%), favorito dai ribassi degli acciai piani e dell’alluminio, e del comparto moda (-1%, sempre in euro) su cui ha invece inciso la caduta dei prezzi del cotone, date le migliori attese sui raccolti. Sostanzialmente stabili, invece, gli indici della filiera legno e carta e del comparto alimentare.

La flessione dei corsi petroliferi ha imposto ribassi generalizzati per le commodity del comparto chimico (fig.2). Le quotazioni della Virgin Nafta sono quelle che, tra i principali derivati della raffinazione del petrolio, hanno maggiormente risentito della discesa dei prezzi petroliferi, perdendo oltre l’8% rispetto alla media di maggio. Significativa anche la flessione dei corsi degli organici di base (-5%), che hanno risentito con il consueto ritardo temporale dell’arretramento dei prezzi del petrolio osservato già in maggio. Tra le materie plastiche, più sostenuti i ribassi di polipropilene e polietilene (rispettivamente -4.5% e -3.9%), a fronte dei lievi movimenti di prezzo di PVC (-1.3%) e polistirene (-0.5%). 

 
 Fig.1 Indici Prometeia dei prezzi in euro delle commodity                         
Media 200=100, dati mensili
Fig.2: Prezzi in euro – chimica (var% giu17/mag17)
Prezzi in Euro (fonte: Prometeia)